Misura B1

Cos’è e chi può richiederla

La Misura B1 è destinata alle persone in condizione di disabilità gravissima curate al proprio domicilio.

Per ottenere i buoni e i voucher previsti dalla misura B1 occorre innanzitutto farne richiesta presso la propria Ats/Asst.

Qui i riferimenti.

Le domande vanno presentate, utilizzando la specifica modulistica, sia per le persone già in carico sia in caso di nuovo accesso alla Misura B1.

MODULO DOMANDA PER LE PERSONE GIÀ IN CARICO

MODULO DOMANDA PER LE PERSONE CON PRIMO ACCESSO

Le richieste verranno indirizzate ad una equipe che dopo una valutazione multidimensionale delle condizioni della persona, stende il Progetto Individuale di Assistenza.

Il Progetto individuale contiene anche la descrizione degli interventi da sostenere con i buoni e i voucher previsti dalla misura B1.

Cosa Prevede la B1

La misura Misura B1 prevede:

  • Buono mensile di € 1.000: viene erogato per compensare le prestazioni sociali assicurate dal caregiver familiare e/o da assistente familiare impiegato con regolare contratto. Inoltre in base agli esiti della valutazione multidimensionale e del Progetto Individuale di Assistenza può eventualmente essere erogato un:
  • Voucher socio sanitario mensile: fino ad un massimo di € 360 a favore di persone adulte, per il miglioramento della loro qualità di vita e fino ad un massimo di € 500 per i minori per la realizzazione di progetti, per il miglioramento della qualità della vita degli stessi e delle loro famiglie, in via orientativa e non esclusiva a favorire il benessere del minore sviluppando percorsi orientati a promuovere il suo inserimento e la sua inclusione sociale.

 

Quest’anno 2018 Regione Lombardia riconosce in aggiunta, con risorse proprie, anche un:

Buono mensile Misura integrativa regionale di € 500 erogato per l’assunzione, diretta o tramite contratto con Ente erogatore, di personale di assistenza (es.assistente familiare, ausiliario socio assistenziale, operatore socio sanitario, infermiere ed educatore) per alleggerire il carico assistenziale del caregiver familiare. Questo buono mensile è destinato alle persone con disabilità gravissima che hanno figli minorenni e/o figli studenti con età inferiore ai 25 anni. Per questa misura l’Isee del nucleo familiare deve essere inferiore o uguale a 50.000€.

I destinatari

I destinatari della misura sono persone assistite al domicilio in condizione di disabilità gravissima beneficiarie dell’indennità di accompagnamento, di qualsiasi età e per le quali si verifichi una delle condizioni seguenti:

a) persone in condizione di coma, Stato Vegetativo oppure di Stato di Minima Coscienza e con punteggio nella scala Glasgow Coma Scale (GCS) minore o uguale a 10;

b) persone dipendenti da ventilazione meccanica assistita o non invasiva continuativa (24/7);

c) persone con grave o gravissimo stato di demenza con un punteggio sulla scala Clinical Dementia Rating Scale (CDRS) maggiore o uguale a 4;

d) persone con lesioni spinali fra C0/C5, di qualsiasi natura, con livello della lesione, identificata dal livello sulla scala ASIA Impairment Scale (AIS) di grado A o B. Nel caso di lesioni con esiti asimmetrici ambedue le lateralità devono essere valutate con lesione di grado A o B;

e) persone con gravissima compromissione motoria da patologia neurologica o muscolare con bilancio muscolare complessivo ≤ 1 ai 4 arti alla scala Medical Research Council (MRC), o con punteggio alla Expanded Disability Status Scale (EDSS) ≥ 9, o in stadio 5 di Hoehn e Yahr mod;

f) persone con deprivazione sensoriale complessa intesa come compresenza di minorazione visiva totale o con residuo visivo non superiore a 1/20 in entrambi gli occhi o nell’occhio migliore, anche con eventuale correzione o con residuo perimetrico binoculare inferiore al 10 per cento e ipoacusia, a prescindere dall’epoca di insorgenza, pari o superiore a 90 decibel HTL di media fra le frequenze 500, 1000, 2000 hertz nell’orecchio migliore;

g) persone con gravissima disabilità comportamentale dello spettro autistico ascritta al livello 3 della classificazione del DSM‐5;

h) persone con diagnosi di Ritardo Mentale Grave o Profondo secondo classificazione DSM‐5, con QI <=34 e con punteggio sulla scala Level of Activity in Profound/Severe Mental Retardation (LAPMER) <= 8;

i) ogni altra persona in condizione di dipendenza vitale che necessiti di assistenza continuativa e monitoraggio nelle 24 ore, sette giorni su sette, per bisogni complessi derivanti dalle gravi condizioni psicofisiche.

 

I pazienti al domicilio che ricevono il buono possono usufruire contemporaneamente di:

 

  • interventi di assistenza domiciliare sociosanitaria e/o sociale
  • interventi di riabilitazione in regime ambulatoriale o domiciliare
  • ricovero ospedaliero o riabilitativo
  • ricoveri di sollievo per massimo di 90 gg programmabili nell’anno

Risorse Collegate

La Misura B1 è destinata alle persone in condizione di disabilità gravissima curate al proprio domicilio, attraverso l’erogazione di buoni e voucher sociosanitari mensili. Come poter fare domanda?

Il diritto all’esenzione è riconosciuto dalla ASST di riferimento dell’assistito sulla base della certificazione della malattia. Come fare per richiedere l’esenzione.

Il riconoscimento di una invalidità garantisce il diritto all’esenzione per alcune o per tutte le prestazioni specialistiche. Come fare per richiedere il tesserino di esenzione.

TI SERVE QUALCOSA DI DIVERSO?

Lasciaci i tuoi dati, ti ricontatteremo il prima possibile