Invalidità Civile

Cos’è e chi può richiederla

L’invalidità civile è una condizione riconosciuta dal nostro ordinamento giuridico come presupposto per avere diritto a determinate prestazioni economiche e socio-sanitarie da parte dello Stato.

Possono chiedere l’accertamento dello stato di invalidità civile le persone che, a causa di malattie congenite o acquisite, hanno subito una riduzione permanente della capacità lavorativa superiore ad un terzo.

Per le persone ultra sessantacinquenni viene, invece, accertata la difficoltà persistente a svolgere compiti e funzioni proprie dell’età.

Nel caso di riconoscimento con o senza diritto all’indennità di accompagnamento, è garantita l’esenzione del ticket e l’assistenza protesica.

L’indennità di accompagnamento viene riconosciuta agli invalidi civili totali (100%) che, per malattie fisiche o psichiche, si trovino nell’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, necessitano di assistenza continua.

L’indennità di accompagnamento è indipendente dall’età e dalle condizioni reddituali della persona.

Come fare per richiedere l’invalidità

L’iter per avviare il percorso per il riconoscimento della domanda di invalidità civile si articola in due fasi:

  • la prima fase inizia con la compilazione telematica del certificato medico introduttivo da parte del medico curante che attesta le infermità del malato, da inviare all’INPS. Il medico certificatore consegna sia il codice univoco generato dal sistema informatizzato che la stampa del certificato introduttivo, firmato in originale, da presentare all’atto della visita.
  • la seconda fase consiste nella presentazione della domanda vera e propria all’INPS in via telematica a cura del richiedente in modo autonomo, se in possesso del codice PIN, oppure attraverso gli enti abilitati quali le associazioni di categoria, i patronati sindacali, i CAAF ecc. L’invito a visita verrà rilasciato contestualmente all’invio on-line della domanda e comunicato con lettera raccomandata A/R.

La visita, nelle situazioni ordinarie sarà fissata entro 30 giorni dalla data di presentazione della domanda.

Nel caso di riconoscimento dello stato di Handicap in situazione di gravità (art.3, comma 3, della legge 104) sono previsti specifici benefici fiscali e lavorativi; per i parenti o affini che assistono un anziano, purché non sia ricoverato a tempo pieno, sono previsti permessi di lavoro retribuiti e congedi straordinari.

Risorse Collegate

La Misura B1 è destinata alle persone in condizione di disabilità gravissima curate al proprio domicilio, attraverso l’erogazione di buoni e voucher sociosanitari mensili. Come poter fare domanda?

Il diritto all’esenzione è riconosciuto dalla ASST di riferimento dell’assistito sulla base della certificazione della malattia. Come fare per richiedere l’esenzione.

Il riconoscimento di una invalidità garantisce il diritto all’esenzione per alcune o per tutte le prestazioni specialistiche. Come fare per richiedere il tesserino di esenzione.

TI SERVE QUALCOSA DI DIVERSO?

Lasciaci i tuoi dati, ti ricontatteremo il prima possibile