Esenzioni

Tutte le forme di esenzione, e chi ne ha diritto

In base a determinate condizioni cliniche, di reddito o sociali alcune prestazioni mediche sono erogate dal Servizio Sanitario Nazionale gratuitamente (esenzioni) o dietro pagamento di un ticket.

Il ticket è il contributo che il cittadino fornisce alla spesa sanitaria pagando una quota specifica per alcune prestazioni comprese nei livelli essenziali di assistenza, ovvero le prestazioni e i servizi che il Servizio Sanitario Nazionale (Ssn) è tenuto a fornire a tutti i cittadini, gratuitamente o dietro pagamento di una quota di partecipazione, il ticket appunto.

Ad oggi, il contributo riguarda:

  • Prestazioni specialistiche ambulatoriali;
  • Alcune prestazioni di pronto soccorso;
  • Cure termali;
  • Farmaci

 

Per avere diritto all’esenzione dal ticket, occorrono determinati requisiti:

  • Reddito: riguarda tutti i cittadini che si trovano in una situazione reddituale inferiore ai limiti stabiliti dallo Stato e dalla Regione e che variano di anno in anno. Alcune esenzioni per reddito sono assegnate automaticamente dal Ministero dell’Economia e Finanze; altre devono essere invece autocertificate sotto la propria responsabilità;
  • Età, per cittadini da 0 a 6 anni e dai 65 anni in su per prestazioni erogate dal Pronto Soccorso;
  • Condizione sociale;
  • Presenza di determinate patologie;
  • Riconoscimento dello stato di invalidità;
  • Altri casi particolari (gravidanzadiagnosi precoce di alcuni tumoriaccertamento dell’HIV, vaccini).

 

L’esenzione può essere:

  • Totale, quando al cittadino non viene richiesto alcun pagamento;
  • Parziale, quando al cittadino può essere richiesto il pagamento di una quota ridotta rispetto a quella in vigore per tutti gli altri cittadini.

 

Vediamo, di seguito, alcune tipologie di esenzione tipiche dell’anziano.

L’ esenzione per reddito

Determinate condizioni di reddito possono comportare il diritto all’esenzione dal pagamento del ticket per:

  • prestazioni ambulatoriali
  • farmaci

Alcune esenzioni per reddito sono valide su tutto il territorio nazionale, altre invece sono valide solo in Regione Lombardia. A questo link trovate la “Tabella dei codici di esenzione per reddito” con specificato il relativo ambito di validità.

 

Come viene attestato il diritto all’esenzione?

Il diritto alle esenzioni per reddito è attestato diversamente in base alla tipologia considerata.

Le esenzioni nazionali con codice E01, E03, E04 e l’esenzione regionale E05 sono certificate dal Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF). Dal 2019 anche le esenzioni E14 e E15 saranno assegnate automaticamente agli aventi diritto e registrate in Anagrafe Regionale degli Assistiti, sulla base dei dati comunicati dal Ministero, che ogni anno, nel mese di marzo, predispone l’elenco dei soggetti aventi diritto, definito sulla base delle informazioni fornite dall’Agenzia delle Entrate (per la verifica del limite di reddito), dall’INPS (per la verifica della titolarità dell’assegno sociale e della pensione al minimo) e dal Min. del Lavoro (per la verifica di assenza di posizione di lavoro).

Queste esenzioni hanno validità di un anno e vengono rinnovate automaticamente ogni anno se permangano le condizioni di diritto.

Per verificare l’attribuzione del diritto di esenzione è possibile:

  • autenticandosi al sito del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) e dei servizi welfare online;
  • presso gli sportelli di Scelta e Revoca delle ASST di competenza territoriale;
  • rivolgendosi al proprio medico di medicina generale.

Qualora il cittadino ritenga di aver diritto ad un’esenzione per reddito E01, E03, E04, E05, E14, E15 che non gli è stata certificata automaticamente dal MEF, potrà presentare un’autocertificazione della propria condizione in ASST.

Il diritto alle restanti esenzioni con codice E02, E12, E13, E30 ed E40 è invece riconosciuto dalle ASST di competenza territoriale con il rilascio di un apposito attestato, sulla base dell’autocertificazione delle specifiche condizioni di diritto.

A partire dall’anno 2019 le esenzioni E02, E12, E13, E30, E40 avranno una durata massima annuale, non automaticamente rinnovabile, con scadenza al 31 marzo di ogni anno, salva precedente variazione dello stato di diritto (ad esempio: perdita dello status di disoccupato).

L’attestato di esenzione ha validità fino all’eventuale variazione dello stato di diritto. Il dichiarante è tenuto a dare immediata comunicazione all’ASST di competenza territoriale (Ufficio scelta e revoca) del venir meno delle condizioni necessarie per beneficiare dell’esenzione.

 

Come fare l’autocertificazione?L’autocertificazione per l’esenzione per reddito può essere presentata:

Presso le medesime sedi sono reperibili i moduli di autocertificazione, clicca qui per il link della pagina in cui potrai trovare tutti i moduli.

L’ esenzione per Patologia

Il Ministero della Salute, approvando i Livelli Essenziali di Assistenza (L.E.A.) che il Servizio Sanitario nazionale deve assicurare al cittadino, definisce anche le prestazioni che possono essere prescritte in esenzione ai cittadini affetti da patologie croniche.

Tali cittadini hanno il diritto alla esenzione dal pagamento del ticket anche per prestazioni ambulatoriali e di diagnostica strumentale strettamente correlate alla patologia da cui sono affetti.

Per le patologie croniche è possibile richiedere l’esenzione presentando la certificazione rilasciata da un medico specialista di una struttura pubblica o privata accreditata e la propria Tessera sanitaria.

Attraverso il link Banca dati delle malattie croniche esenti è possibile accedere all’applicativo nazionale che consente di sapere quali prestazioni il medico –  se lo ritiene opportuno –  può prescrivere in esenzione in relazione a ciascuna patologia.

L’ esenzione per Invalidità

Il riconoscimento di una invalidità garantisce il diritto all’esenzione per alcune o per tutte le prestazioni specialistiche.

 

Come viene riconosciuto il diritto all’esenzione per invalidità?

Lo stato ed il grado di invalidità devono essere accertate dalla competente Commissione medica della ASST di riferimento dell’assistito. L’accertamento costituisce condizione necessaria per il rilascio dell’attestato di esenzione.

Per il rilascio del tesserino di esenzione è necessario rivolgersi agli sportelli amministrativi di Scelta e Revoca delle ASST territorialmente competenti portando il verbale di invalidità e la carta regionale dei servizi.

Per i residenti a Monza, lo sportello si trova in via Boito,2.

 

Chi può avere l’esenzione per invalidità?

Le categorie di invalidi che sono esenti per tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e le altre prestazioni specialistiche sono:

  • invalidi di guerra, ed equiparati, e per servizio appartenenti alle categorie dalla I alla V
  • invalidi civili ed invalidi per lavoro con una riduzione della capacità lavorativa superiore ai 2/3 o con assegno di accompagnamento, o con indennità di frequenza
  • invalidi civili con indennità di accompagnamento
  • ciechi e sordomuti
  • ex deportati nei campi di sterminio nazista KZ (categoria equiparata dalla legge agli invalidi e mutilati di guerra)
  • vittime di atti di terrorismo o di criminalità organizzata Stato
  • vittime del dovere esenti tutte le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio e le altre prestazioni specialistiche.

Le altre categorie di seguito elencate:

  • invalidi di guerra e per servizio appartenenti alle categorie dalla VI alla VIII
  • invalidi per lavoro con una riduzione della capacità lavorativa inferiore ai 2/3
  • coloro che abbiano riportato un infortunio sul lavoro o una malattia professionale

sono invece esenti le prestazioni di diagnostica strumentale, di laboratorio ed altre prestazioni specialistiche correlate alla patologia invalidante.

Risorse Collegate

La Misura B1 è destinata alle persone in condizione di disabilità gravissima curate al proprio domicilio, attraverso l’erogazione di buoni e voucher sociosanitari mensili. Come poter fare domanda?

Il diritto all’esenzione è riconosciuto dalla ASST di riferimento dell’assistito sulla base della certificazione della malattia. Come fare per richiedere l’esenzione.

Il riconoscimento di una invalidità garantisce il diritto all’esenzione per alcune o per tutte le prestazioni specialistiche. Come fare per richiedere il tesserino di esenzione.

TI SERVE QUALCOSA DI DIVERSO?

Lasciaci i tuoi dati, ti ricontatteremo il prima possibile